Ideona

Ideona

Come Montare un Lampadario

Cominciamo a conoscere i due tipi di supporti che potrebbero sorreggere il nostro lampadario,

1° Esempio; se siete fortunati ed avete la predisposizione per appendere un lampadario vedrete un anello che fuoriesce accanto ai cavi elettrici
2° Esempio; se non siete fortunati e volete appendere un lampadario nonostante non ci sia l’ anello che fuoriesce dal soffitto accanto ai cavi di alimentazione si può procedere come segue.

Attenzione prima di iniziare a lavorare, abbassate l’interruttore del salvavita e avvolgete con il nastro isolante l’estremità dei cavi che abbiamo al soffitto (e riattivare l’interruttore) in modo da non correre rischi.
Attrezzarsi di un trapano elettrico con una punta da 12 mm Ø (per muro) e di un tassello 12mm Ø con la testa a forma di uncino; cercate di individuare da quale direzione arriva il tubo che ospita i cavi di alimentazione e forare dalla parte opposta (per evitare di tagliare i cavi) a circa 3 cm dai cavi (importante disinserire la percussione del trapano ed applicare una leggera pressione su di esso in fase di foratura, perché una pressione inadeguata potrebbe causare la rottura del mattone forato), una volta effettuato il foro inseriamo completamente il nostro tassello, lo afferreremo con il becco della pinza e gireremo in senso orario (non esagerate con la pressione che applicate perché si potrebbe rompere). A questo punto appendiamo il lampadario.

Da qua in poi abbassate l’interruttore del salvavita.

Passiamo alla parte riguardante i cavi elettrici:
Un lampadario possiede al suo interno un’ impianto elettrico, ma quello che a noi interessa sono tre o quattro cavi elettrici (tre se le lampade accendono tutte insieme e quattro se accendono in due gruppi) che troveremo all’esterno.
I colori: il gialloverde è una protezione; blu è il neutro e serve a chiudere il circuito; gli altri colori sono le fasi che portano l’alimentazione (marrone e nero sono i colori più comuni per le fasi).
Il collegamento dei cavi avviene tramite dei mammut che posseggono due viti che servono per il bloccaggio dei cavi, da un lato inseriamo il cavo del lampadario e dall’altra parte quello del soffitto.

Colleghiamo prima il gialloverde del lampadario con il corrispondente colore del soffitto usando i mammut, in alcuni lampadari potremmo non trovare questo filo, in questi casi collegheremo il filo gialloverde del soffitto alla struttura metallica del lampadario rimuovendo un pezzo della parte isolante del cavo. Poi sempre utilizzando i mammut collegheremo il filo blu del lampadario al corrispettivo colore del soffitto. A questo punto collegheremo gli altri due cavi con i corrispondenti colori del soffitto, ma se i colori dovessero essere diversi, non preoccupatevi l’importante è collegarli uno ad uno.(in questo caso abbiamo descritto la procedura con quattro cavi è il nostro lampadario si accenderà, con due interruttori.
Se invece sul lampadario abbiamo quattro cavi e sul soffitto solo tre, significa che abbiamo solo un interruttore di comando e collegheremo i restanti due fili del lampadario insieme tra di loro e dopo li andremo a collegare all’ultimo cavo rimasto libero al soffitto.

Torna in alto