Ideona

Ideona

Come Scegliere un Kayak Gonfiabile

Quando arrivano le belle giornate, hai voglia di farti una pagaiata sull’acqua? Sogni di prendere un kayak e di partire in famiglia o con gli amici, in totale autonomia, ma sei preoccupato per le dimensioni e la difficoltà di trasporto di un kayak rigido? Hai già pensato al kayak gonfiabile e alle opportunità che ti offre?

Il kayak gonfiabile è diventato l’alternativa ideale per una pratica autonoma, in famiglia e senza troppe preoccupazioni logistiche. E’ l’equivalente gonfiabile delle numerose canoe “sit on top” di plastica che si trovano sul mercato.
Ma il kayak gonfiabile ha numerosi vantaggi rispetto ai suoi cugini di plastica rigida.
– Innanzitutto per gonfiarlo (operazione che può sembrarti un po’ faticosa e noiosa) serve pochissimo tempo grazie alla pompa a mano a doppia azione.
– Altro punto essenziale: il trasporto non è più un problema! Il kayak gonfiabile si mette semplicemente nel baule dell’auto. Niente più portapacchi, con la paura di perdere il kayak durante il viaggio!
– Quando sono sgonfi e riposti nella loro custodia, questi kayak rappresentano un ingombro minimo e possono essere trasportati e conservati facilmente.
Ricorda: prima di ripiegarlo, è importante lasciare asciugare il kayak gonfiabile, per evitare che si formi della muffa e conservarlo in buono stato il più a lungo possibile.

Oltre ad essere poco ingombrante, il kayak gonfiabile è anche molto più leggero della maggior parte dei kayak o delle canoe di plastica.
Per un kayak in polietilene biposto, bisogna contare almeno 35 kg. Mentre con un kayak gonfiabile non ti romperai più la schiena per portarlo nei punti di imbarco, perché un biposto pesa in media solo 14 kg!
Questo peso piuma è possibile grazie alla materia di cui questi kayak sono composti: una tela spessa e molto resistente, identica a quella dei raft.
Grazie a questo materiale robusto, la tua imbarcazione può essere gonfiata in pressione, diventando rigida quasi come le sue omologhe di plastica. Non dovrai quindi temere nulla quando navigherai: il tuo kayak è davvero molto solido! D’altronde è molto raro che queste tele si buchino. E se dovesse succedere, all’acquisto riceverai un kit di riparazione di facile utilizzo.

Grazie alla loro configurazione con i 2 parabordi laterali, i kayak gonfiabili sono imbarcazioni stabili e con scarsa immersione in acqua. E’ quindi possibile navigare in acque poco profonde e avere meno presa nella corrente, beneficiando al contempo di una maggiore maneggevolezza.
Tuttavia, nei giorni di vento, il kayak tenderà a derivare più facilmente a causa del suo scarso peso. Per ovviare a questo inconveniente, Tribord ha previsto su ognuna delle sue imbarcazioni delle derive che permettono di mantenere la rotta.
Altro elemento decisivo: l’aspetto economico. Poiché i materiali e la tecnologia di questi prodotti sono meno costosi, il prezzo di vendita è nettamente inferiore a quello dei loro cugini rigidi.

Limite di utilizzo dei kayak gonfiabili
Rispetto ad un kayak rigido, la capacità di accoglienza e di trasporto di un kayak gonfiabile è inferiore.
Un kayak gonfiabile biposto può trasportare circa 150 kg di carico. Il che è abbastanza poco, se si desidera salire in 2 e portare qualche attrezzatura per la gita di una giornata.
Se desideri partire più carico con il tuo kayak gonfiabile, puoi scegliere un’imbarcazione di dimensioni superiori. In questo modo avrai più posto per prendere del materiale a bordo, ma avrai anche la possibilità di portare con te 1 bambino nel posto di mezzo. Per dettagli sui limiti di utilizzo è possibile vedere questa guida sui kayak gonfiabili.
Altro limite da tenere in considerazione: se sei un patito del mare e del largo, sappi che i kayak gonfiabili non possono allontanarsi dalle coste oltre i 300 m.

Il kayak rigido è sicuramente più adatto ad una pratica sportiva intensa del kayak, ma gli appassionati trarranno comunque soddisfazione dai numerosi vantaggi offerti dai kayak gonfiabili: praticità, solidità, prezzo, ecc. Questi ultimi ti garantiranno momenti indimenticabili, da solo, in famiglia o con gli amici.
Per scegliere, la cosa migliore da fare è provare.

Torna in alto